instagramlinkedintelegramcustom1youtube

images/progetti-organismi-sportivi/schede-progetti/ab/32-trapianto.jpg

Attività fisica e sportiva adattata per soggetti trapiantati di organo: benefici sulla salute e sulla qualità della vita – evidenze ed esperienze a confronto

Tipologia OS:  AB
Un progetto a cura di:
Stato di avanzamento del progetto:
Anno di contribuzione:

Il programma presentato da CESEFAS, “Attività fisica e sportiva adattata per soggetti trapiantati di organo: benefici sulla salute e sulla qualità della vita – evidenze ed esperienze a confronto”, è uno studio relativo all’impatto dell’attività fisica sui soggetti trapiantati di organo, in continuità con l’iniziativa finanziata da Sport e Salute con risorse 2020. Il progetto di ricerca 2021, infatti, prende spunto dai lavori realizzati sul tema generale relativo ai benefici dell'attività fisica per soggetti trapiantati di organo, già affrontato nell'anno precedente, con attenzione specifica agli aspetti medici ed ai vantaggi apportati alla salute e al benessere delle persone che svolgono una pratica regolare, inclusi i benefici in termini di durata e funzionamento dell’organo trapiantato.

Con l’iniziativa proposta, CESEFAS si focalizza, anche attraverso un’attenta attività di screening, sulle esperienze ed evidenze sperimentali, riguardanti la pratica motoria effettuata dai soggetti trapiantati di organo, non attuabili e riscontrabili nella prima fase della ricerca, a causa dell’emergenza pandemica.

In particolare, saranno analizzati i benefici ottenuti dai soggetti trapiantati che hanno svolto e svolgono attività fisica adattata.

Il reclutamento dei pazienti trapiantati, da sottoporre al programma di attività fisica personalizzato, è affidato al centro trapianti o all’unità operativa che ha in carico il paziente per l’inserimento in lista o il follow up post trapianto. Il Servizio di Medicina dello Sport, quindi, dopo una valutazione funzionale sul paziente, prescrive un programma di esercizio fisico personalizzato, indirizzando il paziente in una struttura specifica individuata sul territorio.

Partner del progetto saranno il Centro Nazionale Trapianti e le A.S.L della Toscana.

Il progetto affronta i particolari aspetti del percorso del soggetto trapiantato il quale deve trovare una condizione di vita sicura e soddisfacente dopo l'intervento.

Questa tematica coinvolge la sfera sociale ed organizzativa, oltre che medica. L’attività di studio e ricerca punta a fornire un quadro dell'esistente e proporre linee guida generali e condivise.

La ricerca verterà anche sugli aspetti organizzativi e gestionali delle attività fisico-motorie post-trapianto in relazione agli impianti disponibili, in termini di inclusione ed integrazione.

Target

Soggetti trapiantati di organo

Obiettivi

Studio e ricerca su benefici attività motoria per soggetti trapiantati.