Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramlinkedintelegramcustom1youtube
images/studi-e-dati-dello-sport/schede/2021/61-Cover-ISS.jpg

PASSI e PASSI d’Argento e la pandemia COVID-19

Anno di pubblicazione:  2021

Quali sono stati gli effetti collaterali del Covid-19 sulla popolazione? L’Istituto Superiore della Sanità, con il report “PASSI e PASSI d’Argento e la pandemia COVID-19”, ha voluto comprendere l’impatto dell’emergenza sanitaria sulle condizioni economiche e lavorative, sullo stato emotivo e sulla domanda di cura, sulla percezione del rischio del contagio, sulla disponibilità a vaccinarsi, sull’uso delle mascherine e sui cambiamenti degli stili di vita - con un focus sull’attività fisica - della popolazione italiana.

Secondo i dati, nel periodo marzo-dicembre 2020, il 73% degli adulti intervistati è stato più o meno attivo (rispettando in tutto o in parte livelli di attività fisica raccomandati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità).

Il restante 27% è invece risultato completamente sedentario: un dato che interessa prevalentemente le donne, le fasce d’età più elevate, le persone con bassa istruzione, con difficoltà economiche e del Sud. Nonostante ciò, il periodo pandemico ha fatto registrare una riduzione del 10% nella quota di adulti sedentari rispetto allo stesso periodo del 2019.

Diversi invece i risultati ottenuti dalle persone più anziane (over 65): in questo caso, il 43% è risultato completamente sedentario, mentre solo poco più del 50% è stato più o meno attivo.

Anche qui, si è evidenziata una maggiore predisposizione alla sedentarietà delle donne, delle fasce d’età più elevate, delle persone con bassa istruzione, con difficoltà economiche e del Sud; ma, a differenza dalle persone adulte, confrontando i dati del periodo pandemico rispetto a quelli degli stessi mesi del 2019, si è avuto un lieve aumento (del 3%) nella quota di sedentari.

documenti allegati che possono interessarti