instagramlinkedintelegramcustom1youtube
images/studi-e-dati-dello-sport/schede/2022/77-COVER-Riunisci.jpg

RI.UNI.S.C.I. – Ricerca Università Sport e Contributo Inclusione

Anno di pubblicazione:  2022
Tematiche:

Lo Sport e l’attività motoria sono strumenti che, per via diretta, promuovono l’inclusione sociale, il contrasto della xenofobia, la solidarietà, educazione alla legalità o che, per via indiretta, hanno impatti di coesione sociale; se il fenomeno della povertà e dell’esclusione sociale muta sia in termini di ampiezza che di caratteristiche della popolazione che vive questa condizione, allora anche le strategie e gli strumenti (misure pubbliche, interventi di vario genere, ecc.) per contrastarlo devono adeguarsi al cambiamento per poter essere efficaci.

La disponibilità di una metodologia scientifica, che consenta di raccogliere, analizzare e valutare il ruolo dello sport neIl’avviare processi di inclusione sociale, permette di avere un quadro chiaro e preciso per la costruzione di politiche sociali e programmi di sviluppo che devono rivolgersi soprattutto alle fasce vulnerabili della popolazione. Il progetto RIUNISCI ha come obiettivo quello di contribuire allo sviluppo di tale metodologia. Non solo.

È obiettivo strategico del progetto quello di promuovere politiche di indirizzo del movimento sportivo amatoriale e non, concorrendo a promuovere inclusione, aggregazione e partecipazione attiva alla vita sociale. Il raggruppamento dei partner di progetto (Università ed EPS) curerà quindi, in maniera condivisa, un Report divulgativo che metterà in condizione ACSI, AICS, CSEN e CNS Libertas di raggiungere i comitati, le associazioni e società sportive, gli affiliati, nonché l’intera comunità, attraverso la promozione di una campagna pubblica ad hoc.

IL 20,1% DEGLI ITALIANI È A RISCHIO DI POVERTÀ ED ESCLUSIONE SOCIALE

In Italia, nel complesso, nel 2019 poco più di un individuo su 5 (20,1%) era a rischio di povertà ed esclusione sociale. Questo il dato che emergeva dall’indagine EU-SILC (ISTAT,2020), prima dello scoppio dell’emergenza sanitaria ed economica causata dal Covid-19. Ad oggi, le misure attuate, per contrastare la diffusione del virus, ci costringono a ridurre drasticamente le relazioni sociali e rendono quindi ancor più difficile contrastare il fenomeno dell’esclusione sociale. Per tale ragione, l’inclusione sociale, soprattutto quella delle persone in condizioni di svantaggio, deve diventare obiettivo centrale nelle prossime politiche di welfare e nel riprogettare la nostra socialità e promuovere politiche volte all’inclusione sociale, dove Io sport può giocare un ruolo fondamentale.

L’attività di ricerca sociale del progetto RIUNISCI propone quindi di utilizzare due metodologie in modo integrato: il primo è un efficace strumento di analisi quantitativa chiamata la teoria del Cambiamento (ToC), mentre il secondo di tipo è qualitativo e consiste nella monetizzazione degli outcome. Complessivamente, quindi, viene adottato un processo analitico integrato (quali-quantitativo) che consente di esplorare in profondità le dimensioni e le qualità delle relazioni tra stakeholder.

OBIETTIVI DELLA RICERCA

La domanda di ricerca a cui si intende rispondere è quindi quella di misurare il valore deIl’incIusione sociale generato dai centri sportivi sul territorio italiano, attraverso un processo di Valutazione di Impatto Sociale (VIS). Applicando la VIS in modo partecipativo, includendo pertanto la prospettiva di tutti gli stakeholder chiave, la ricerca si pone gli obiettivi di:

  1. aumentare la comprensione del cambiamento e la capacità di rispondere a tale cambiamento;
  2. cercare di mitigare ed evitare gli impatti negativi e sostenere i benefici positivi attraverso il ciclo dello sviluppo;
  3. porre enfasi sul miglioramento delle vite delle persone vulnerabili e svantaggiate.

Dall’analisi dei dati sarà possibile avere a disposizione un quadro a 360º rispetto a come la Comunità Sportiva (costituita da tutti i ruoli coinvolti per la raccolta dati, ossia: uomini e donne che praticano sport di base, coach e allenatori, nucleo familiare dei giovani fino ai 18 anni) contrasti il fenomeno dell’esclusione sociale, portando delle evidenze circa il valore sociale generato dalle attività sportive.
In particolare, sarà possibile osservare, in termini processuali, quali sono le aree di outcome che promuovano il cambiamento sociale, la partecipazione e il coinvolgimento, soprattutto, delle categorie più fragili.

TARGET DI RIFERIMENTO

La natura sociale dell’attività di ricerca condotta nell’ambito del progetto RIUNISCI garantisce il rigore e la correttezza metodologica, soprattutto nell’attività di recupero di tutte le basi informative disponibili. Tre sono le principali categorie prese in esame nel campione di riferimento:

  • Uomini e donne che praticano sport di base, suddivisi per fasce d’età: giovani dai 11 ai 17 anni, suddivisi poi in ulteriori categorizzazioni come da Report ISTAT 2015 in riferimento alle attività sportive praticate in ltalia, al fine di considerare tutto il bacino di ragazzi che potenzialmente potrebbero praticare attività sportiva; la seconda fascia d’età invece viene presa in considerazione in quanto i dati ISTAT mostrano come con l’avanzare dell’età vi sia un decremento dell’attività sportiva, da parte sia degli uomini che delle donne, dunque si vuole interrogare anche questa fascia di popolazione per capire quali sono le criticità ed ostacoli che si incontrano e che portano col tempo al drop-out sportivo;
  • Famiglie dei ragazzi adolescenti: nel contesto sociale e storico in cui viviamo risulta importante riflettere sui problemi inerenti al rapporto educazione - famiglia - sport, in quanto sollecita ogni giorno di più interrogativi, incertezze e contemporaneamente propositi di maggior efficace sinergia;
  • Allenatori/Preparatori atletici: la figura dell’allenatore risulta centrale nella vita e nella crescita soprattutto dei più giovani, diventando la terza figura fondamentale per la crescita, dopo i genitori e la scuola, assolvendo allo stesso tempo il compito di insegnante.

I TRE STEP DEL PROGETTO

Primo step - “Disegno dell’impatto”: ha l’obiettivo di ricostruire e rappresentare i punti di forza delle attività sportive, attraverso la formulazione della Teoria del Cambiamento (ToC) e relativo impact framework.

Secondo step - “Analisi Dati”: si pone come obiettivo quello di mappare il raggiungimento delle aree di outcome stabilite in fase di progettazione.

Terzo step - “Comunicazione dell’impatto”: offrirà supporto per le fasi di comunicazione e valorizzazione dell’impatto di progetto.

documenti allegati che possono interessarti