instagramlinkedintelegramcustom1youtube
images/studi-e-dati-dello-sport/schede/2021/43-UISP-SVIMEZ.jpg

Il costo sociale e sanitario della sedentarietà – focus Mezzogiorno

Tipologia OS:
EPS
Un progetto a cura di:

Progetto: Il costo sociale e sanitario della sedentarietà – focus Mezzogiorno

È terminato il lavoro di ricerca realizzato da UISP, in collaborazione con SVIMEZ, su “Il costo sociale e sanitario della sedentarietà”, con particolare attenzione al Mezzogiorno.

Gli esiti del lavoro di ricerca raccolti nel report finale, unitamente alle indagini condotte mediante interviste ed alle attività dei focus group a cui hanno partecipato gli esperti del settore, rappresentano un valido supporto per indirizzare i policy maker verso decisioni, ed in generale politiche di azione, volte a colmare i diversi gap presenti nelle regioni d’Italia, soprattuto del Meridione, in termini di attività fisica e connessi a disuguaglianze socioculturali: nel Mezzogiorno quasi il 50% degli individui non pratica alcuna attività sportiva, contro circa il 30% registrato nel Centro-Nord.

Il Mezzogiorno si presenta speculare al Centro-Nord. Infatti, nelle regioni meridionali si registrano i picchi più bassi di attività sportiva continuativa e quelli più alti di sedentarietà.

Attraverso l’indagine, effettuata tramite apposito questionario, tra i vari aspetti è emerso che nelle regioni settentrionali più del 50% degli sportivi utilizza un impianto di proprietà e/o gestione pubblica. Mentre, nelle regioni del Mezzogiorno solo il 37,5% pratica sport in un impianto pubblico, ed il 62,5% preferisce un impianto sportivo privato. Ciò è imputabile ad una minore diffusione di impianti sportivi pubblici nelle regioni meridionali ed insulari.