instagramlinkedintelegramcustom1youtube

ISTITUTO DI MEDICINA DELLO SPORT

Direttore Organizzazione e Servizi: Dott.ssa Rossana Ciuffetti

Direttore Sanitario: Dott.ssa Barbara Di Giacinto

L’ISTITUTO DI MEDICINA DELLO SPORT

L’Istituto di Medicina dello Sport è la struttura sanitaria e scientifica di Sport e Salute che ha il compito istituzionale di promuovere i corretti stili di vita, prevenire le malattie e tutelare lo stato di salute degli atleti di élite fornendo alle Federazioni sportive nazionali le conoscenze scientifiche per il miglioramento anche delle prestazioni sportive. Ha il compito di promuovere la cultura sportiva volta al benessere dell’individuo, attraverso ricerche nel campo dell’esercizio fisico e dello sport in collaborazione con enti nazionali e internazionali.L’istituto, fruibile anche dai cittadini di qualsiasi età, mette a disposizione le professionalità di medici di fama internazionale, garantendo consulenze specialistiche e apparecchiature di ultima generazione per diagnosi mirate. Il centro è in grado di offrire diverse branche mediche per soddisfare le esigenze di tutti i pazienti.

La mission

  • Promuovere la cultura sportiva volta al benessere psicofisico dell’individuo attraverso ricerche nel campo dell’esercizio fisico e dello sport, in collaborazione con istituzioni nazionali e internazionali.
  • Svolgere attività di informazione, di formazione, di ricerca, di prevenzione e sviluppare programmi di controllo sanitario legati alla pratica sportiva.
  • Assicurare l’assistenza medica, riabilitativa, funzionale, biomeccanica e psicologica al fine di tutelare lo stato di salute degli atleti di élite e di fornire alle Federazioni sportive nazionali, al comitato olimpico italiano e al comitato paralimpico le conoscenze scientifiche per il miglioramento delle prestazioni sportive di alto livello.
  • Svolgere attività d’Istituto nazionale di medicina dello sport a favore di terzi con l’obiettivo di valutare e preservare lo stato di salute e di ottimizzare le prestazioni sportive.
  • Diffondere la pratica sportiva soprattutto tra i giovani, garantendo il diritto allo sport nelle aree territoriali con meno opportunità attraverso progetti mirati e partnership che garantiscano la sostenibilità economica delle iniziative di carattere sociale.



La Storia

1963 - il 6 novembre la Giunta esecutiva del Comitato olimpico sancisce la nascita dell’Istituto di Medicina dello Sport. Commissario ordinatore dell’Istituto viene nominato il Prof. Antonio Venerando che successivamente diviene Direttore dell’Istituto suddiviso in reparto di Valutazione Funzionale dell’atleta, alla cui guida è nominato il Prof. Antonio Dal Monte, e reparto di Ortopedia guidato dal Prof. Giorgio Santilli.

1974 - Il 20 ottobre il Prof. Venerando diviene Direttore tecnico dell’Istituto di Medicina dello Sport.

1975 - Viene inaugurato il Laboratorio mobile dell’Istituto di Scienza dello Sport.

1978 - Il 17 novembre la Scuola Centrale dello Sport cambia nome in Scuola dello Sport alla quale competono gli adempimenti amministrativi dell’Istituto di Medicina dello Sport.

1979 - Il 7 e 8 marzo, con l’organizzazione delle Prime giornate di Psicologia dello sport, sotto la guida del Prof. Ferruccio Antonelli, si pongono le basi per il riconoscimento della Psicologia dello Sport come materia fondamentale nell’ambito della Medicina dello Sport.

1983 - Viene inaugurata la vasca ergometrica. Nello stesso anno viene siglata una convenzione tra l’Istituto e l’Università Sapienza di Roma.

1984 - Il prof. Antonio Dal Monte, nel Dipartimento di Fisiologia e Biomeccanica, progetta le ruote lenticolari: lo stesso anno alle Olimpiadi di Los Angeles l'Italia conquista l’oro nella 4 per 100 km utilizzando telaio di bici e ruote lenticolari Dal Monte.

1984 - Il 20 marzo la Giunta esecutiva del Coni approva il progetto di riorganizzazione dell’Istituto che dal 2 ottobre dello stesso anno prende il nome d’Istituto di Medicina e Scienza dello Sport e che prevede tre dipartimenti sotto la Direzione del Prof. Antonio Venerando: 1) Dipartimento di Medicina (direttore il Prof. Giorgio Santilli); 2) Dipartimento di Fisiologia e Biomeccanica (direttore il Prof. Antonio Dal Monte); 3) Dipartimento di Psicologia (direttore il Senatore Prof. Adriano Ossicini).

Nel corso degli anni il Prof. Venerando condusse e diede il via a numerose ricerche e studi in ambito cardiologico, tra i quali vale la pena di citare quelle sul "Cuore d'atleta" che stimolarono un'ampia trattazione internazionale sul tema.

1985 - Il 16 dicembre si tiene il Congresso inaugurale dell’Istituto di Scienza dello Sport diretto dal Prof. Antonio Dal Monte.

1986 - In collaborazione con l’industria italiana COSMED viene costruito il primo metabolimetro telemetrico miniaturizzato.

1987 - Viene inaugurata la Galleria del vento.

Con i vari progetti sviluppati con la galleria gli studi sulla posizione aerodinamica hanno contribuito alla conquista di importanti successi sportivi.

Anni ‘90 - L’Istituto ha continuato la sua attività, pur nelle difficoltà finanziarie proprie di tutto il mondo dello Sport, che ne hanno ridotto il potenziale tecnologico e logistico e quindi operativo. In quegli stessi anni lasciavano l’Istituto, per raggiunti limiti di età, i fondatori (Venerando, Dal Monte e Santilli), lasciando compiti e ruoli alla seconda generazione di medici dello sport che loro stessi avevano selezionato e formato: il Dott. Giovanni Caselli nel Dipartimento di Medicina ed il Dott. Marcello Faina nel Dipartimento di Fisiologia e biomeccanica.

Primi anni 2000 - All’inizio del nuovo secolo l’istituzione di Coni Servizi SpA ha rappresentato un importante momento di rilancio dell’Istituto. Le due anime, quella clinica e quella fisiologica-biomeccanica, vengono ulteriormente valorizzate con la costituzione di due differenti strutture: l’Istituto Nazionale di Medicina dello Sport (Direttore il Dott. Giovanni Caselli) e l’Istituto di Scienza dello Sport (Direttore Il Dott. Marcello Faina).

La legge di bilancio 2019 (legge 30 dicembre 2018, n. 145) trasforma CONI Servizi SpA in Sport e salute SpA "quale struttura operativa per conto della autorità di governo, competente in materia di sport". Una società con una mission più ampia che si occupa di promuovere, attraverso lo sport e l’attività fisica, stili di vita sani tra tutte le fasce della popolazione al fine di migliorare le condizioni di salute e il benessere degli individui. Operativamente l’Istituto di Medicina dello Sport di Sport e salute persegue i propri obiettivi dettati dalla Riforma e collabora con il CONI per il raggiungimento dei fini istituzionali di quest’ultimo.

storia

storia

storia

Journal of Sport Medicine and Physical Fitness

Presso l’Istituto ha sede anche la segreteria scientifica del Journal of Sport medicine and Physical Fitness, la storica e prestigiosa rivista pubblicata in inglese da Minerva Medica che nacque come organo ufficiale della Federazione Internazionale di Medicina dello sport e che ebbe come primi prestigiosi direttori il Prof. La Cava e successivamente il Prof. Antonio Venerando.

Contatti

Info e Prenotazioni

IMS

Largo Piero Gabrielli, 1 - 00197 Roma

T. +39 06.32729300

F. +39 06.32723707

M. prenotazioni.privati@sportesalute.eu

WhatsApp +39 337.1675573

 

I minori devono essere accompagnati da un genitore