instagramlinkedintelegramcustom1youtube

images/articoli/atp2023torino.png

Nitto ATP Finals, presentata a Torino la 54ª edizione del torneo

Ci siamo! Meno di 72 ore ci separano dal match inaugurale del torneo più atteso dell’anno, l’evento in cui ‘I campioni eleggono il loro Campione’. Oggi pomeriggio il Grattacielo Intesa Sanpaolo a Torino ha fatto da teatro alla conferenza stampa di presentazione e al sorteggio della 54.ma edizione delle Nitto ATP Finals, il torneo che, in attesa della kermesse finale della Coppa Davis a Malaga, chiude ufficialmente la stagione 2023 mettendo a confronto i migliori otto singolaristi e le migliori otto coppie di doppio dell’anno. Il torneo, in programma da domenica 12 a domenica 19 novembre, si giocherà per il terzo anno consecutivo sul campo veloce indoor del Pala Alpitour di Torino.

Nel corso della conferenza stampa, aperta dal saluto del ‘padrone di casa’ Gian Maria Gros-Pietro (Presidente di Intesa Sanpaolo), Angelo Binaghi (Presidente della Federazione Italiana Tennis e Padel), Massimo Calvelli (CEO di ATP), Marco Mezzaroma (Presidente di Sport e Salute), Stefano Lo Russo (Sindaco della Città di Torino), Fabrizio Ricca (Assessore allo Sport della Regione Piemonte) e Sam Strijckmans (Executive Vice President, General Manager of EMEA di Nitto Denko Corporation) hanno illustrato le novità di questa terza edizione italiana.

Angelo Binaghi, Presidente della Federazione Italiana Tennis e Padel: “Oggi è un grande giorno di festa. Lo è per il nostro popolo di tennisti che diventa sempre più grande. Lo è per la ATP che ha creduto in noi, dandoci questa opportunità. Lo è per chi ci ha sostenuto, lo Stato, gli sponsor italiani e stranieri che vorrebbero farlo ancora di più ma non abbiamo più spazi. Lo è per chi con noi ha creato questo grande successo, Sport e Salute e il Comitato di gestione. Lo è per il territorio, il Comune, la Regione. Lo sarà infine per tutti i giocatori, ai quali va il nostro benvenuto. Lo dicono i dati: su un totale di 166.470 biglietti vendibili ne abbiamo venduti 160.612 (il 40,2% dall’estero, da 95 paesi differenti, 9 in più dello scorso anno, acquirenti maggiori: Svizzera 4,46%, Germania 2,9%, Inghilterra 2,79% e Brasile 2,72%, neanche uno dall’Arabia) pari al 96,5% dei biglietti vendibili. Aggiungendo poi le presenze della stampa, degli staff degli atleti, e dei posti riservati alla ATP e alle autorità, arriviamo a un totale di 171.097 presenze totali su 176.985 posti disponibili nelle 15 sessioni, pari a quasi il 97% della capacità massima dell’impianto. Dati alla mano arriveremo ad avere il sold out in tutte 15 le sessioni, anche se il meccanismo dei rilasci delle società che gestiscono i pacchetti dovrebbe permettere anche agli ultimi ritardatari di trovare ancora qualche biglietto all’ultimo momento. E siccome questo è il palazzetto più grande che il nostro Paese abbia mai avuto, significa che nella storia dello sport italiano non c’è mai stata una manifestazione indoor con questo successo. Sono dati di una manifestazione di rilevanza e visibilità planetaria, che sarà visibile in 179 diversi paesi e in 849 milioni di case, e che come sappiamo, e come ci illustrerà alla fine E&Y, genereranno, tra le altre cose, un impatto economico sul territorio superiore a 230 milioni di euro, un gettito straordinario per lo Stato superiore a 50 milioni di euro e la creazione di nuove opportunità di lavoro pari all’equivalente di un numero di posti di lavoro a tempo pieno per un anno pari a circa 1.500. Quello che invece conosceremo alla fine, perché è oggetto di uno studio che abbiamo commissionato ad una società leader nel settore, è l’impatto sociale di questa Manifestazione, che valuta le ricadute generate sulla nostra comunità studiandone il mutamento degli stili di vita, e il benessere da esso originato, valutando ad esempio la spinta alla pratica sportiva che può aver generato, lo sviluppo del senso di comunità, il miglioramento dell’immagine della regione ospitante, la promozione della cultura e dell’identità locale e l’aumento dell’orgoglio civico. Fattori, tutti questi, che possono non solo migliorare la qualità della vita, ma anche stimolare ulteriori investimenti, attrarre nuovi abitanti e turisti, ampliando così l’impatto economico a lungo termine dell’evento. Vi anticipiamo solo un dato, per rispondere anche ad una sensibilità che il Sindaco aveva evidenziato nel corso delle ultime occasioni, che testimonia quanto le Finals stiano incidendo profondamente nel tessuto della comunità locale. Questo è l’andamento dei tesserati della regione Piemonte da quando abbiamo le Finals, e questo è invece quello dei giovani tennisti nello stesso arco temporale. Ma che la festa sarà così grande lo si sentirà nel boato che accoglierà in campo Jannik, perché in campo con lui ci saremo anche noi, per la prima volta nella storia da teste di serie, tra i favoriti, consapevoli del fatto che esserci è in ogni caso un grande traguardo ma che se dovessimo per caso riuscire ad arrivare fino in fondo sarebbe solamente la conferma del valore che abbiamo già dimostrato di avere”.

Massimo Calvelli, CEO di ATP: “Questo evento rappresenta la prima tappa di un percorso che si concluderà tra 11 giorni, un evento fantastico, mi congratulo con gli otto giocatori qualificati, è stata una stagione incredibile, sono nate nuove rivalità e abbiamo visto una vera battaglia generazionale tra Djokovic e Alcaraz. Questo gruppo è il più forte mai visto alle Finals. Sinner è l'idolo di casa, sarà supportato dal pubblico. Spettacolo garantito! Ringrazio la FITP, le autorità, gli sponsor e tutti quelli che hanno contribuito a realizzare questo evento a Torino, sono rimasto colpito dalla capacità della città di dare un'identità all'evento. Tutta la comunità ha accolto l'evento, si respira tanta energia, e poi c'è il desiderio di innovare e provare cose nuove, il desiderio di concentrarsi su tematiche importanti come la sostenibilità, e anche la capacità di adottare nuove tecnologie. Siamo orgogliosi. Il tennis sta andando molto bene, siamo concentrati sempre di più sui nostri tifosi, speriamo di regalargli un'altra esperienza indimenticabile”.

Marco Mezzaroma, Presidente di Sport e Salute: "Saluto il presidente Gros-Pietro, tutte le autorità e complimenti al presidente Binaghi per l'organizzazione di questo evento che è ormai un evento planetario. Siamo orgogliosi di poter collaborare come Sport e Salute all'ideazione e all'organizzazione di questo torneo, felici di mettere a disposizione il nostro know-how come facciamo a Roma per gli Internazionali. Il Foro Italico è il luogo iconico dei nostri grandi eventi sportivi, che sempre di più fanno da driver per il turismo e l'indotto economico. Vogliamo specializzarci sempre di più nella ideazione e gestione di grandi eventi internazionali. Vorrei concentrarmi anche su un dato, la crescita dei tesserati in Piemonte: i grandi appuntamenti sportivi producono risultati straordinari anche sulla base. Devo dare atto al presidente Binaghi che la sua è un'attività davvero rilevante. Mi auguro anch'io che questo evento possa continuare a vivere in Italia".

Stefano Lo Russo, Sindaco della Città di Torino: “Torino è ancora una volta capitale internazionale del grande tennis con le Nitto ATP Finals e ne siamo davvero molto contenti. Cresce l’attesa per vedere i grandi campioni che stanno arrivando in città, proprio ieri ho dato il benvenuto a Torino a Jannik Sinner, unico italiano tra i primi otto tennisti al mondo che certamente contribuisce a far crescere il tifo, e a Carlos Alcaraz, impegnati negli allenamenti. Questa è poi la prima edizione su cui come amministrazione abbiamo lavorato sin dal termine di quella precedente per mettere in campo un programma di iniziative collaterali che trasformeranno l’evento anche in una grande festa per tutta la città, con un ricco programma di eventi gratuiti per tutte le torinesi e i torinesi che si apriranno domani”.

Fabrizio Ricca, Assessore allo Sport della Regione Piemonte: “Comune e Regione sono felici di lavorare insieme alla Fitp sono per mantenere l'evento in questo territorio. Ringrazio il presidente Binaghi perché ha iniziato anni fa a credere e insistere su questo territorio, userà enorme crescita dei tesserati piemontesi è molto importante per noi, speriamo che il prossimo Sinner nasca da queste parti. Torino e il Piemonte hanno un'alta vocazione sportiva che questo evento testimonia, qui potremmo fare un'Olimpiade. Vogliamo essere al fianco della Federtennis per tanti anni ancora".

Gian Maria Gros-Pietro, Presidente Intesa Sanpaolo: “Le Nitto ATP FINALS quest anno promettono di essere molto interessanti, in particolare per gli italiani. È il terzo anno del nostro impegno, siamo molto soddisfatti. Per noi è un grandissimo orgoglio che si svolgano a Torino. Questo grattacielo è la sede iconica di Intesa Sanpaolo, qui studiamo il futuro. Noi così sotto siamo la centralità di Torino, che è in questo momento il centro mondiale del tennis, la città si fa apprezzare da tutti. Qui c’è una grande capacità organizzativa, con l’entusiasmo di tutti i cittadini. Nelle prime sue edizioni abbiamo visto crescere le potenzialità della manifestazione. Lo sport corrisponde ai principi etici di Intesa Sanpaolo. Tra tutti gli sport, il tennis e quello che porta più in alto correttezza ed eleganza. Adesso è ora di apprezzare dal vivo le emozioni del torneo, che vedrà in campo il nostro Jannok Sinner, nostro testimonial globale, nella speranza che questa avventura possa durare ancora a lungo”.

Sam Strijckmans, Executive Vice President, General Manager of EMEA, Nitto: “È un onore per me essere qui al calcio d'inizio di questo evento, in una città fantastica che è ormai la nostra seconda casa. Nitto è una compagnia che storicamente supporta le persone e le sfide che ogni giorno affrontano. Davvero rivolgo la nostra gratitudine ad Atp, alla Fitp, alla città di Torino e a tutti gli altri partner. Il nostro obiettivo è sostenere il tennis, e attraverso il tennis lavorare per una società sempre più umana e sostenibile. Mettiamo in campo azioni concrete, come il Torino Green Project insieme alla città, a cui abbiamo donato 40mila alberi, con l'obiettivo di ridurre le emissioni di Co2, e con cui sosteniamo l'utilizzo dei mezzi pubblici da parte della cittadinanza. Siamo pronti a vivere questo fantastico evento, verso il quale tutto il mondo ha grandi aspettative".

Sinner, Alcaraz e Djokovic guidano il Blue Carpet – I loro volti sono apparsi uno dopo l’altro, tra gioco di luci ed effetti, sulla Mole Antonelliana, il simbolo della città. Il modo più suggestivo e iconico per dare il benvenuto… e in qualche caso il bentornato… agli otto protagonisti del torneo di singolare e ai sedici protagonisti del torneo di doppio. Il padrone di casa Jannik Sinner, alla prima qualificazione ottenuta sul campo (dopo l’apparizione 2021 in qualità di riserva), lo spagnolo Carlos Alcaraz, alla prima partecipazione dopo l’infortunio che lo bloccò 12 mesi fa, e il plurititolato Novak Djokovic, alla sedicesima apparizione alle Finals, guidano il gruppo dei fuoriclasse che fino a domenica 19 novembre si sfideranno per il titolo di ‘maestro’. Insieme a loro i vincitori delle passate edizioni Daniil Medvedev, Stefanos Tsitsipas e Alexander Zverev, con Andrey Rublev e Holger Rune a completare il quadro.

Prima di lasciare spazio alle loro magie sul campo da tennis, domani pomeriggio, nella splendida cornice di Palazzo Reale, gli otto campioni sfileranno sul Blue Carpet, nella giornata tradizionalmente dedicata al Media Day. Stesso impegno per i doppisti che l’11 novembre sfileranno nel cuore del Fan Village al Pala Alpitour. Ecco gli otto giocatori e le otto coppie qualificati:

1. Novak Djokovic (SRB)
2. Carlos Alcaraz (SPA)
3. Daniil Medvedev
4. Jannik Sinner (ITA)
5. Andrey Rublev
6. Stefanos Tsitsipas (GRE)
7. Alexander Zverev (GER)
8. Holger Rune (DEN)

1. Dodig / Krajicek (CRO/USA)
2. Koolhof / Skupski (OLA/GBR)
3. Bopanna / Ebden (IND/AUS)
4. Granollers / Zeballos (SPA/ARG)
5. Gonzalez/Roger-Vasselin (MEX/FRA)
6. Ram / Salisbury (USA / GBR)
7. Gonzalez / Molteni (ARG / ARG)
8. Hijikata / Kubler (AUS / AUS)

Segui Sport e Salute sugli account ufficiali per tutti gli aggiornamenti:

Iscriviti alla NewsletterFacebookInstagramTwitterLinkedinTelegramScarica l’App My Sport e Salute