Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Primo piano

Sabelli: "Sport gratis alle famiglie povere. Adesso i soldi ci sono".

images/girls-407295_1920.jpg

Di Giuseppe Smorto, tratta da Repubblica

L'ad di Sport e Salute:

"Come una Finanziaria. Le emergenze sociali si combattono anche così".

Di questi tempi, è una notizia clamorosa. «I soldi ci sono: sono tanti e vanno spesi bene». Rocco Sabelli deve distribuirli: ha in tasca il portafogli dello Sport italiano, esperienza non meno facile rispetto a Tim, Piaggio, Alitalia. Da ad di "Sport e Salute" incarna quella riforma targata Lega-M5S che ha cambiato il Coni. Una riforma che il nuovo governo non vuole toccare.

Schematizzando: Sabelli si occuperà dei conti e dei praticanti (l'Italia solo 23a in Europa), il presidente del Comitato olimpico Malagò dei campioni. Troverete il primo più spesso sulle pagine di cronaca, economia o Salute, l'altro su quelle di sport, magari mentre canta l'inno a Tokyo 2020.

Al momento sono separati in casa al primo piano del Palazzo H del Foro Italico e rischiano perfino di incontrarsi alla toilette. La riforma non è stata indolore: ma dietro la grottesca polemica sui posti in tribuna d'onore c'è di più. Come se si dovesse passare a una fase 3.0, da una gestione moderna ma paternalistica, appesa alle medaglie e ai denari del calcio, a una più manageriale con criteri da non rimettere in discussione ogni anno.

Ingegner Sabelli, lo sport è una foto del Paese: secondo il Censis, ci si muove di più al Nord che al Sud, gli uomini più delle donne, in centro più che in periferia: siamo sportivi seduti

«E noi dobbiamo liberare risorse. Ho studiato i bilanci delle federazioni: il 33% dei soldi è destinato alle spese generali, solo il 67 alle attività. C'è una voragine fra i procuratori milionari che pescano fino ai ragazzini e le povertà della base. E invece l'educazione al movimento è un diritto, è una risposta a emergenze sociali e sanitarie».

E voi che fate?

«Vari progetti pilota: come quello che destina 7 milioni alle famiglie povere in base al loro Isee, agli over 64, ai ragazzi con problemi come l'obesità, individuati da uno screening medico. Tutto gratis».

E per la scuola?

«Un progetto per le quarte e quinte elementari, cinquecentomila studenti e 4000 tutor provenienti dalle facoltà di Scienze Motorie in classe».

Maggiore efficienza o allargamento della base: lei perché è qui?

«Perché mi piace la sfida: non ho nemici ma nemmeno amici: devo solo spendere fino all'ultimo euro i 410 milioni che la legge ci assegna ogni anno. Soldi pubblici, sottolineo. Che potrebbero anche crescere e ci arrivano con un meccanismo preciso: sono il 32% delle tasse versate dal mondo dello sport, dalla Juventus fino alla più piccola delle società. I ricchi pesano e aiutano».

Mai così tanti da quando è tramontato il Totocalcio.

«Il conto totale a oggi è di circa 470 milioni. Abbiamo un piccolo tesoretto, 60 milioni di maggiori entrate. Soldi che andranno alle federazioni, alla scuola, alle periferie con criteri precisi e oggettivi, parametri e algoritmi».

Più trasparenza?

«Diciamo più metodo. La scommessa è quella di fare una Finanziaria dello sport italiano».

Più facile leggere i bilanci o capire la differenza fra un ente di promozione vero e uno finto?

«Di sicuro è difficile ricordarsi facce e nomi delle federazioni, delle Benemerite, discipline associate, delle società militari, dei comitati regionali e provinciali, dei probiviri. E appunto degli Enti di Promozione, quelli grandi come Uisp e Csi, fino ai più piccoli. Con loro abbiamo aperto tre tavoli di confronto».

Una struttura elefantiaca.

«Una struttura da semplificare».

Semplifichiamo: prima i soldi li distribuivano gli altri, ora voi.

«Sì, ma misurando e tracciando le attività. Senza rischio di conflitto di interessi. Ma lo sa che molte federazioni sono gelose dei loro dati? In termini numerici, i centri di aggregazione legati allo sport superano qualunque altro luogo di incontro collettivo. Mi batterò per creare un grande database dello sport italiano. Sarà più facile arrivare all'utente e alle sue esigenze, per capire dove e come pratica un disciplina, e che cosa cerca intorno a casa sua».

Alla fine si torna sempre ai Big Data e al geomarketing.

«E a progetti comuni. Unico canale di spesa e di gare, gestiremo tutti gli appalti per gli impianti. Che sono 56.000, secondo il nostro censimento. Dall'Olimpico di Roma in giù».

Argomento caldo. Non mancano le cattedrali nel deserto. A partire dalla vela di Calatrava che dà il benvenuto a Roma Sud. L'emergenza impianti c'è soprattutto nelle periferie.

«Ci sono sul piatto 400 milioni per 4 anni. Sono soldi a fondo perduto per rigenerare strutture, la media di ogni intervento è di 350-400 mila euro. Solo l'8% della somma stanziata è stata spesa. Magari non per colpa nostra, ma per i tempi lunghi delle giunte comunali e della burocrazia. Assumeremo ingegneri e progettisti, anche questo lavoro verrà centralizzato».

In effetti, per un campo di volley, lo stesso disegno potrebbe valere a Savona, Pescara o Reggio Calabria.

«Prima ne facevano tre diversi. L'importante è che siano impianti senza problemi di accesso, abbiamo ancora campi senza spogliatoi per le donne, percorsi a ostacoli per i disabili. La strada è lunga».

Auguri, non sarà facile. E dove metterete tutti questi risparmi?

«Li reinvestiremo nello sport Italiano».