instagramlinkedintelegramcustom1youtube

images/articoli/romaskate.png

Successo del World Street Skateboarding Rome, Cozzoli: “Grande impatto sulla pratica sportiva dei giovani” Aracu : “Aprire le qualificazioni di Parigi in questo modo è un risultato straordinario”

Si è chiuso domenica sera il World Street Skateboarding Rome 2022. Una grande festa dello sport. Una rivoluzione che lo skateboarding sta portando in giro per il mondo, con la sua filosofia giovane e capace di coinvolgere sempre più persone. E’ stata la prima tappa del 2022 valida per le qualificazioni ai prossimi Giochi Olimpici di Parigi. Un torneo che ha donato fortissime emozioni a tutti quelli che sono arrivati numerosi al nuovissimo skatepark di Colle Oppio per ammirare i tricks incendiari dei più forti interpreti mondiali dello sport del momento. Uno show che ha animato la Capitale a partire dallo scorso 26 giugno all’ombra del Colosseo. La gente era tanta, assiepata oltre le tribunette, sulle collinette che circondano Colle Oppio, fuori dai cancelli. Ed anche seduta davanti al megaschermo collocato sul prato nella parte bassa di Colle Oppio, proprio ai piedi del Colosseo. Il progetto è sotto l’egida del CIO, voluto fortemente dalla Federazione Internazionale World Skate, da Sport e Salute e dalla Federazione Italiana Sport Rotellistici e condiviso dal Comune di Roma. L’iniziativa proseguirà anche nei prossimi anni, Roma sarà sede di almeno una delle tappe del World Street Skateboarding Tour.

Soddisfazione e futuro - “Lo skate a Roma è stata una scommessa davvero vinta - ha detto Vito Cozzoli, Presidente e AD di Sport e Salute - partita quando la scorsa stagione abbiamo deciso di lanciare un programma di 5 anni. Vogliamo infatti che questo evento abbia una ricaduta innanzitutto economica, sociale e turistica. Sono molti i turisti venuti a Roma per questa prima tappa del percorso verso Parigi 2024. Ma soprattutto vogliamo che sia di grande impatto in termini di pratica sportiva. Lo skateboard si sposa con l’arte urbana, puntiamo ad un programma culturale e sportivo. Con World Skate e Fisr vogliamo portare lo skate a scuola, usando il linguaggio dei giovani”. “Abbiamo fatto qualcosa di storico - ha sottolineato Sabatino Aracu, presidente World Skate e FISR - Un torneo fantastico che ha avuto un seguito importantissimo in queste giornate di gare. È la prima volta in assoluto che una qualificazione olimpica si apre in questo modo e a Roma, in un luogo iconico ed unico al mondo”.

Vincitori -  La finale femminile ha visto il dominio delle giapponesi con tre ragazze sul podio: oro a Funa Nakayama.  Sul podio maschile, invece, dopo una gara combattuta e alla presenza dell’Ambasciatore americano Thomas Smitham e della sua famiglia, sul podio più alto è salito il californiano Nyjah Huston, battendo il francese Aurelien Giraud e il portoghese Gustavo Ribeiro. Poi tutti a festeggiare nella location speciale del Parco di Colle Oppio per il gran ballo finale del World Skateboarding con Dago dj alla console.

Foto GMT Mezzelani

Segui Sport e Salute sugli account social ufficiali per tutti gli aggiornamenti:

FacebookInstagramTwitterLinkedinTelegramScarica l’App My Sport e Salute

Potrebbe interessarti anche